Category Archives: Forex

Forex

Inversione del rischio strategia di investimento opzioni binarie

Tra strategie che vengono utilizzate nell’investimento in opzioni binarie la tecnica dell’inversione del rischio, detta anche strategy reversal o risk reversal si dimostra una strategia avanzata che sfrutta la flessibilità quindi se il prezzo di un asset si muove in una direzione, non indugerà a lungo su quella direzione ma tenderà a ritornare alla posizione iniziale. Si applica l’inversione del rischio quando un investitore acquisisce un’opzione call e contemporaneamente vende un’opzione put, oppure agisce in senso opposto acquistando un’opzione put e vendendo un’opzione call. In pratica la risk reversal strategy consiste nell’entrare nel mercato nella direzione opposta rispetto all’andamento del prezzo nel momento in cui cambia direzione, il momento di ingresso nel mercato deve verificarsi quando il prezzo raggiunge il suo picco per poi tornare nella sua posizione iniziale (la posizione iniziale rappresenta una costante che si ripete per un arco di tempo non inferiore ai 30 minuti). Per approfondimenti si rimanda alla lettura di http://www.aiclu.it/strategie-semplici-opzioni-binarie/. Continue reading

Published by:

Trend following strategia di trading online

Una delle strategie di trading a lungo termine che si possono utilizzare sui mercati finanziari è offerta dal trend following che si basa sulla situazione reale del mercato in un determinato momento ed offre la possibilità di ottenere dei vantaggi quando le condizioni sono favorevoli. Questa metodologia di trading non tiene conto delle previsioni, si tratta invece di una strategia basata sull’analisi tecnica dei prezzi di mercato e non sulle forze delle società quotate in Borsa. Sui mercati finanziari, gli investitori cercano di trarre vantaggio dai trend di mercato esaminando la direzione in un determinato momento per capire quando comprare e vendere, nello specifico per valutare la direzione del mercato per poter generare un segnale di trading si devono impiegare diverse tecniche, calcoli e time-frames. Dal punto di vista tecnico, il trend following cerca di promuovere le probabilità maggiori quando si opera a favore del trend corrente, per questo motivo chi vuole seguire questa strategia di trading nel lungo periodo deve affidarsi alla combinazione di diversi fattori quali: la pazienza, la determinazione, la buona gestione del denaro, l’analisi fondamentale, l’analisi tecnica incentratata sullo studio dei grafici. Altre notizie su https://www.giocareinborsa.com/strategia-trading/strategia-del-trend-following. Continue reading

Published by:

Opzione call come funziona

Una definizione generica di opzione call le attribuisce il ruolo di strumento derivato che dà all’acquirente il diritto, ma non l’obbligo, di acquistare un titolo ad un determinato prezzo di esercizio, per acquisire tale diritto l’acquirente è tenuto a pagare un premio; il premio dell’opzione pagato dall’acquirente esprime il prezzo oppure il valore della stessa opzione. Questo contratto derivato viene stipulato tra due contraenti che attraverso il pagamento di un premio al venditore, conferisce al compratore il diritto di acquistare in futuro dal venditore stesso ossia la facoltà di esercitare l’opzione. L’opzione call può essere esercitata in più modi: alla scadenza; ad intervalli regolari o durante tutto il periodo. In pratica questo esercizio può essere attuato al momento della scadenza, si parla così di opzioni call europee, se invece l’esercizio può essere effettuato in ogni momento, successivo alla conclusione dell’opzione fino al momento della scadenza, si parla di opzioni call americane. Non pochi contratti derivati sono strutturati attraverso l’opzione call e la base comune è rappresentata dal diritto di acquisto del sottostante che l’acquirente si garantisce se ritiene che un’azione tenderanno a salire, è conveniente esercitare un’opzione call quando è possibile acquistare una merce oppure un’azione ad un prezzo inferiore al suo prezzo di mercato. Per altre notizie si rimanda alla lettura di http://www.on-line-trading.it/opzioni-call-e-put.html. Continue reading

Published by:

Obbligazione cum warrant di cosa si tratta

Nell’elenco dei vari strumenti finanziari primari si definisce obbligazione cum warrant un particolare titolo obbligazionario che include il diritto di sottoscrivere un contenuto opzionale, azioni oppure obbligazioni ad un prezzo predeterminato: sul warrant vengono specificati i prezzi di sottoscrizione delle azioni (prezzo di esercizio) e la quantità sottoscrivibile (rapporto di esercizio). L’investitore non potrà però beneficiare della conversione di titoli obbligazionari in azioni, visto che le obbligazioni cum warrant permettono di generare un investimento aggiuntivo in azioni a chi possiede obbligazioni. Il warrant, ossia il titolo di acquisto di un bene mobile, è autonomo dal titolo principale e può essere slegato da esso per essere trattato in maniera distinta attraverso la programmazione di scadenze diverse dal titolo principale. In Italia le obbligazioni cum warrant hanno un durata media di 4-5 anni e danno diritto all’acquisto di azioni ordinarie, le cosiddette azioni di compendio, della società emittente le obbligazioni, per questo possono essere paragonate alle obbligazioni convertibili, visto che quest’ultime attribuiscono ai loro possessori il diritto di poter sottoscrizione i titoli azionari della società emittente. Le obbligazioni cum warrant differiscono però dalle obbligazioni convertibili in la facoltà di acquistare un determinato quantitativo di azioni ad un prezzo prefissato è un diritto incorporato in uno strumento (warrant), che può essere alienato dall’obbligazione in modo da essere negoziato in maniera autonoma sul mercato; va precisato che l’obbligazione resta attiva anche dopo aver esercitato il warrant mentre l’obbligazione convertibile cessa di esistere con la conversione. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di https://www.tesionline.it/v2/appunto-sub.jsp?p=50&id=912. Continue reading

Published by:

La piattaforma Iq Option

Chi vuole cominciare a fare trading deve selezionare il suo Forex broker, ossia un intermediario finanziario che ha il compito di raccogliere gli ordini degli investitori, che così vengono esegueti, inoltre si impegna ad effettuare i pagamenti ed a distribuire i rendimenti. Esistono diverse piattaforme specializzate nel trading di opzioni che assolvono al ruolo di broker autorizzato e regolamentato, per garantire ogni cliente. Tra le diverse piattaforme Forex bisogna segnalare la Iq Option (https://iqoption.com/it) un broker semplice da utilizzare, che oltre ad essere gratuita si dimostra sicura ed affidabile. Per accedere a tale piattaforma è necessaria la registrazione, dopo aver creato un account su IQ Option si può accedere ed utilizzare un conto demo gratuito che non richiede alcun deposito; gli iscritti possono utilizzare questa piattaforma demo senza limiti di tempo o di volume scambiato, si ha anche la possibilità di operare con soldi veri con un deposito di appena 10 euro. Per fare trading automatico su Iq Option si possono usare i conti demo da agganciare ai robot, per i principianti sono disponibili dei robot controllati da trader più esperti con lo scopo di operare in modo più sicuro attraverso il processo di automatizzazione di alcune attività di trading. Continue reading

Published by:

ETF (Exchange Traded Funds) di cosa si tratta

La Borsa Italiana è una delle borse europee maggiormente interessate da negoziazione ETF (Exchange Traded Funds) che costituiscono dei particolari fondi di investimento ossia dei titoli che replicano la performance ed il rendimento di un segmento ampio o specifico di mercato; si ha la possibilità di effettuare delle operazioni di compravendita durante tutta la giornata in quanto questi prodotti finanziari vengono scambiati sui principali mercati azionari mondiali. Questa particolare tipologia di fondo di investimento o Sicav prevede come caratteristiche principali il fatto che venga negoziato in Borsa come una comune azione ed inoltre ha come obiettivo di investimento quello di ripetere il benchmark attraverso una gestione totalmente passiva. Per poter investire in ETF si devono comprare e vendere quote in borsa durante il giorno, avendo la possibilità di diversificare il tipo di investimento, da cui dipendono gli eventuali rischi, ed infatti questi prodotti sono disponibili per ogni asset class, capitalizzazione e stile di investimento. Per approfondimenti si rimanda alla lettura di http://unapass.it/cdf-come-funzionano/. Continue reading

Published by:

Come funzionano le opzioni binarie One Touch

Il trading  binario include una serie di opzione diventate nel corso di poco tempo molto popolari tra gli operatori dei mercati delle materie prime e del Forex, e tra questi prodotti le opzioni binarie One Touch godono di non pochi estimatori.  Il termine One Touch si può tradurre in italiano con “un tocco” ed indica che l’investitore deve capire se il prezzo dell’asset di riferimento arriverà a toccare una quota prestabilita prima della scadenza attribuita dal broker;  per ottenere il profitto previsto prima di scegliere di acquistare l’opzione il trader deve capire se il prezzo toccherà anche solo per un istante la quota prestabilita dal broker. Le opzioni binarie alto-basso prevedono una base intuitiva di gestione ed impiego, nello specifico il trader ha circa il 50% di possibilità di chiudere in the money (vincita) oppure out of money (perdita). Si tratta di un particolare tipo di opzione che consiste in una previsione di mercato con un tasso di rendimento alquanto alto se confrontato con gli investimenti classici che possono garantire un importo variabile tra il 65-85%, bisogna tener presente che la percentuale di vincita risulta alta perchè a differenza delle altre opzioni binarie il rischio è più elevato. Per approfondimenti si rimanda alla lettura di https://www.tradingonline.me/opzioni-binarie/one-touch. Continue reading

Published by:

Index linked come funziona questo tipo di polizza

Tra i prodotti di tipo finanziario, si può far ricorso a degli strumenti come gli Index linked ossia delle polizze che prevedono un capitale direttamente dipendente dall’andamento nel tempo del valore di un indice azionario o di un altro valore di riferimento. Nello specifico si tratta di polizze che non hanno alcuna componente assicurativa e che invece si servono del premio versato per acquistare due strumenti finanziari: una obbligazione ed un derivato, di solito delle opzioni call. Dal momento che si tratta di veri e propri strumenti finanziari competono principalmente a degli investitori esperti in grado di sostenere un alto profilo di rischio e che sono consapevoli di poter perdere il capitale investito. Il risultato finale di questo contenuto finanziario dipende così dall’andamento di un indice collegato alla polizza, nello specifico l’indice può essere rappresentato da: indici di Borsa; indici azionari settoriali; fondi comuni; titoli azionari; tassi di cambio. Il soggetto che decide di sottoscrivere una polizza Index Linked investe in un indice oppure in un titolo soggetto alle oscillazioni del mercato, per offrire come rendimento alla scadenza il capitale investito, ma per garantire questo risultato lo strumento finanziario deve investire in un titolo strutturato ossiacomposto in genere da due elementi fondamentali quali: un’obbligazione, che ha lo scopo di raggiungere fino alla data della scadenza un valore almeno pari a quanto investito; uno o più strumenti derivati, principalmente le opzioni, che collegano la prestazione all’indice di riferimento.  Per approfondiment si rimanda alla lettura di http://www.amicoassicuratore.it/index-linked/. Continue reading

Published by:

Investire in Bitcoin

Con il tempo anche le criptovalute note anche con il termine di Bitcoin sono diventate una classe di investimento a tutti gli effetti, entrando a far parte degli strumenti di investimento di alcune banche. L’investimento in valute digitali è simile alla forma di investimento in materie prime, dimostrandosi una delle innovazioni finanziarie più interessanti degli ultimi dieci anni, anche se non molti investitori si affidano a questa asset class in quanto presenta un tasso di rischio alquanto alto in quanto sussiste un’elevata volatilità. I Bitcoin hanno attirato negli ultimi anni un gran numero di investitori che hanno scorto in questo tipo di investimenti una possibilità di profitto vantaggiosa che possiede tra le sue caratteristiche principali la non rintracciabilità ed una tecnologia all’avanguardia. Quindi se si decide di investire con successo in Bitcoin è necessario possedere delle buone conoscenze sulle caratteristiche delle criptovalute, tenendo conto del fatto che ogni moneta digitale ha una propria valutazione che varia nel tempo, quindi i gettoni digitali possono essere convertiti con altre valute ma possono anche essere utilizzati per acquistare oggetti. Un gettone virtuale ha un valore reale che equivale a quanto le persone sono disposte a valutare lo strumento finanziario in termini di scambio, le strutture che ne regolano l’offerta e la diffusione sono decentrate. Ulteriori informazioni su questi prodotti finanziari si possono reperire su http://blog.moneyfarm.com/it/economia-mercati/criptovalute-cosa-conviene-investirci/. Continue reading

Published by:

CDF come funzionano

Tra i prodotti finanziari legati al mercato, i Contratti per Differenza noti con l’acronimo CDF (Contract for Difference) utilizzano l’effetto leva e sono esposti ad un alto livello di rischio relativo al capitale investito, dal momento che i prezzi sono soggetti a variazioni rapide. Non tutti gli stati offrono agli investitori i Contratti per Differenza, rappresentando quindi degli strumenti disponibili solo nel contesto di alcune economie finanziariamente avanzate, tra le nazioni che emettono i CDF ci sono: Italia, Svezia, Paesi Bassi, Germania, Svizzera, Regno Unito, Spagna, Polonia, Portogallo, Francia, Singapore, Australia, Giappone. Questa categoria di strumenti finanziari si basa su un prezzo derivato, in quanto determinato sul valore di altri strumenti di investimento, non si tratta dunque di contratti standard ma di accordi che possono essere negoziati tra un qualunque investitore e le società che offrono questo tipo di contratti. In pratica i CDF non seguono le norme valide nella negoziazione di titoli di stato, titoli di debito privati o azioni al risparmio, ma si basano su un accordo di natura privata tra l’istituto che emette questo genere di strumenti finanziari ed il singolo investitore. Gli investitori che vogliono negoziare questi strumenti finanziari non acquistano direttamente dei titoli ma un contratto che vale per la differenza del valore dello stesso titolo tra il momento della sua sottoscrizione fino alla sua conclusione, in pratica il trader ipotizza la crescita di un titolo oppure la sua perdita di valore. Per altre letture si rimanda a http://unapass.it/trading-intraday-alla-base-delle-opzioni-binarie/. Continue reading

Published by: