Investire in auto storiche: perché potrebbe essere conveniente

Comment

Consigli

Anche se si tratta di un tipo di investimento non molto comune visti che è riservato ai collezionisti ed ai grandi risparmiatori, investire in auto storiche negli ultimi anni è diventato un trend oltre che rappresentare un tipo di investimento redditizio stando alle recenti stime: il mercato delle auto e delle moto storiche costituisce un segmento finanziario alquanto vitale e dal continuo trend positivo, che ha segnato un +11% di scambi in 5 anni (2011-2016).  Il collezionismo di auto come forma di investimento è stato così rivalutato dimostrandosi una forma di finanziamento sicura nel range di tempo circoscritto ossia nel breve termine, che si presta inoltre a diventare un investimento sicuro e redditizio nel lungo termine adottando delle vere e proprie strategie ad hoc. Bisogna tenere presente che si definisce storica un’auto con più di 30 anni di vita, da quanto riportato dal nuovo Codice della Strada, in Italia è in vigore una normativa per le auto d’epoca, si tratta Registro storico ACI per macchine d’epoca, che esiste dal 2013, nel quale sono inscritti i modelli e le marche che si possono considerare auto da collezionismo; possono rientrare in questo registro i mezzi che possiedono i seguenti parametri: un buono stato di conservazione;  i documenti in regola; la dotazioe di tutti i componenti originali; se deve essere restaurata oppure se è stata restaurata bene.

Si tratta di un investimento riservato agli appassionati ed a chi ha una buona conoscenza di questa fetta di mercato, visto che ci sono diversi fattori che tendono ad influenzare il mercato delle auto d’epoca e quello delle moto d’epoca. Chi vuole ottenere un profitto in denaro nel lungo periodo può prendere in considerazione l’eventualità di comprare un’auto storica, che si possono acquistare da privati ma anche in aste giudiziarie oppure in fiere di settore, in quanto si schiude dinanzi uno scenario dinamico che è andato incontro ad un signficativo sviluppo in pochi anni favorendo degli investimenti redditizi nel pieno rispetto di alcune regole non scritte ma funzionali che permettono di tutelare gli investitori non molto esperti. Investire in auto d’epoca può garantire un buon giro di affari ma bisogna muoversi con conoscenza ed attenzione, il primo dato da non trascurare riguarda la corretta certificazione dei veicoli presso i vari registri storici quindi bisogna esaminare prima dell’acquisto che la documentazione sia in regola. Le auto più richieste sul mercato, sono principalmente le Porche e le Ferrari,  ed infatti questi marchi automobilitici sono i più presenti nelle aste di auto d’epoca apposite e nelle aste giudiziarie, è possibile effettuare questo tipo di acquisti nello specifico mercato di auto d’epoca online e di concessionari specializzati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *