Mutuo rata costante a tasso variabile

Comment

Mutui

Tra le diverse tipologie di mutuo si ha la possibilità di scegliere il mutuo rata costante a tasso variabile che prevede l’applicazione di un tasso variabile che non va ad influenzare l’importo della rata che si mantiene fisso per tutto il periodo di durata del contratto, mentre potrà variare la durata del mutuo. A determinare le variazioni sono le condizioni di mercato che possono modificare la durata del finanziamento: se la situazione è favorevole allora il periodo delle rate si riduce se invece la situazione si presenta come negativa allora il contratto si prolungherà nel tempo. Va precisato però che la rata resta fissa anche se il tasso è variabile: la rata può restare fissa entro un certo limite che segnalato nel contratto, superata questa soglia dovrà essere modificata. Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla lettura di http://unapass.it/mutuo-liquidita-puo-richiederlo/.

Il vantaggio di questa tipologia di mutuo consiste nella possibilità data al mutuatario di rimborsare il debito pagando sempre lo stesso importo delle rate a cadenza mensile, se però i tassi di interesse tendono a salire come onseguenza diretta del loro rialzo nei mercati finanziari, allora la rata rimane sostanzialmente invariata con un prolungamento della durata, invece se i tassi sono soggetti ad un andamento al ribasso allora la durata del mutuo si riduce. Il mutuatario che stipula un contratto di mutuo a tasso variabile la cui rata rimane invariata nel corso di tutto il finanziamento è tenuto a saldare il debito pagando sempre la stessa rata. Sostanzialmente questo mutuo prevede una durata del rimborso variabile determinata dalle fluttuazioni del mercato che possono allungare la durata del contratto ed aumentano anche il ricarico sugli interessi. Si tratta dunque di un mutuo che garantisce una certa tranquillità dovuta al tasso fisso ed alla convenienza del tasso variabile tenendo conto degli svantaggi legati al relativo ad un aumento dei tassi che va ad incidere sulla durata del contratto, anche se ripartito nel lungo periodo il costo del mutuo potrebbe rivelarsi molto più alto rispetto ad un mutuo a tasso variabile classico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *