Obbligazione cum warrant di cosa si tratta

Comment

Mercati finanziari

Nell’elenco dei vari strumenti finanziari primari si definisce obbligazione cum warrant un particolare titolo obbligazionario che include il diritto di sottoscrivere un contenuto opzionale, azioni oppure obbligazioni ad un prezzo predeterminato: sul warrant vengono specificati i prezzi di sottoscrizione delle azioni (prezzo di esercizio) e la quantità sottoscrivibile (rapporto di esercizio). L’investitore non potrà però beneficiare della conversione di titoli obbligazionari in azioni, visto che le obbligazioni cum warrant permettono di generare un investimento aggiuntivo in azioni a chi possiede obbligazioni. Il warrant, ossia il titolo di acquisto di un bene mobile, è autonomo dal titolo principale e può essere slegato da esso per essere trattato in maniera distinta attraverso la programmazione di scadenze diverse dal titolo principale. In Italia le obbligazioni cum warrant hanno un durata media di 4-5 anni e danno diritto all’acquisto di azioni ordinarie, le cosiddette azioni di compendio, della società emittente le obbligazioni, per questo possono essere paragonate alle obbligazioni convertibili, visto che quest’ultime attribuiscono ai loro possessori il diritto di poter sottoscrizione i titoli azionari della società emittente. Le obbligazioni cum warrant differiscono però dalle obbligazioni convertibili in la facoltà di acquistare un determinato quantitativo di azioni ad un prezzo prefissato è un diritto incorporato in uno strumento (warrant), che può essere alienato dall’obbligazione in modo da essere negoziato in maniera autonoma sul mercato; va precisato che l’obbligazione resta attiva anche dopo aver esercitato il warrant mentre l’obbligazione convertibile cessa di esistere con la conversione. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di https://www.tesionline.it/v2/appunto-sub.jsp?p=50&id=912.

Riassumendo quindi va ribadito che il warrant è un titolo addizionale che riconosce la possibilità di effettuare un investimento aggiuntivo che si esplica mediante la sottoscrizione di altre azioni che devono rispettare dei precisi requisiti (tempi, modi, quantità e prezzi predefiniti); in pratica il warrant può essere negoziato indipendentemente dall’obbligazione e può essere convertito in azione in ogni momento. Le obbligazioni cum warrant possono essere emesse con metodo diretto, se l’emittente delle azioni di compendio è lo stesso che emette le obbligazioni; si ricorre invece al metodo indiretto, qualora le azioni di compendio siano emesse da una differente società.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *